Si apre una falla nella condotta dell'acqua: a Ischia ponte disagi per residente, turisti e commercianti

[youtube 6Am9S5jZmwI]

di Gennaro Savio*

Venerdì scorso 13 agosto 2010 nello stupendo e affascinante Borgo antico di Ischia Ponte, proprio nel piazzale antistante il maestoso Castello Aragonese, si è aperta una falla nella condotta principale dell’acqua potabile  che da Napoli giunge nel Comune di Ischia. L’acqua che zampillava indisturbata fuori dai basoli, ha letteralmente allagato per giorni parte del piazzale creando una grossa e profonda pozzanghera proprio davanti ad alcuni esercizi commerciali arrecando, così, disagi a residenti, turisti e piccoli commercianti che attendevano questi giorni di Ferragosto nella speranza di lavorare un po’ in più considerata l’annata di crisi economica che vede maggiormente colpite proprio le piccole attività. La cosa vergognosa è che negli anni lungo la condotta ormai datata e vecchia di decenni e che risulta letteralmente devastata dalla ruggine come testimoniano le immagini riprese dalle telecamere di PCIML-TV, si sono aperte falle sempre nello stesso periodo, nel mese di agosto, quando cioè la pressione dell’acqua è più forte essendocene una maggiore richiesta. Una cosa è certa. L’ennesima rottura della condotta dell’acqua, oltre a recare disagi a tutti, sta causando anche le lamentele di tutti, turisti compresi.

Una curiosità. Nel mentre eravamo intenti a riprendere l’acqua che fuoriusciva dal manto stradale, una signora ci ha anche riferito che alcuni commercianti sono stati multati per aver esposto cartoline sulle pareti dei loro negozi e questo oltraggia il decoro cittadino.

Niente di più giusto, come si suole dire, la Legge è Legge e và rispettata, ma dovrebbe essere rispettata e uguale per tutti. Girando per Ischia Ponte oltre ai basoli dissestati e in parte distrutti, abbiamo notato rifiuti di ogni genere che giacciono indisturbati da settimane sui caratteristici scogli che costeggiano il pontile che porta al Castello Aragonese. Una scena che si ripete da sempre perché l’Amministrazione comunale non si degna di farli pulire. In questo caso, ci chiediamo, chi dovrebbe multare l’Ente comunale per l’oltraggio al decoro di luoghi stupendi che sono deturpati dai rifiuti che non vengono rimossi? Ai nostri telespettatori l’ardua sentenza. Intanto vogliamo augurarci che venga immediatamente chiusa la falla apertasi nella condotta dell’acqua ma quello che ci preme chiedere con forza è che la stessa venga sostituita quanto prima essendo arrugginita e distrutta dal tempo e questo per evitare in futuro, oltre all’assurdo spreco d’acqua potabile, nuovi e vergognosi disagi a residenti, turisti e commercianti.

* Direttore di PCIML-TV – www.pcimltv.blogspot.com

Potrebbe interessarti

Ignazio Righi Maestro Artigiano e1650874359111

A Ignazio Righi il titolo di Maestro Artigiano

PROCIDA – La Camera di Commercio di Napoli ha insignito il procidano Ignazio Righi del …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *