Home > Procida: pressione fiscale locale più alta in Italia!

Procida: pressione fiscale locale più alta in Italia!

Riceviamo e pubblichiamo questa riflessione di Giovanni Villani.

A conferma di quanto si va dicendo da un po’ di tempo, ora anche l’Agenzia delle Entrate ha confermato che le famiglie a Procida subiscono la pressione fiscale locale più alta in Campania e tra le più alte ( forse la più alta) in Italia.

1) L’addizione al comunale all’IRPEF è pari allo 0,8%, siamo al massimo!

Su un imponibile fiscale di euro 30.000, al Comune di Procida vengono versati euro 240.

2) L’addizionale regionale all’IRPEF è pari al 2,03%, siamo al massimo!

Su un imponibile fiscale di euro 30.000, alla Regione vengono versati euro 609.

3) La Tariffa Igiene Ambientale a Procida è senza eguali rispetto agli altri 8.100 Comuni italiani, sia che adottino la TARSU sia che adottino la TIA!

Una famiglia con due figli che risiede e dimora a Procida in un’abitazione di 80 mq paga circa 520 euro con IVA al 10%; a proposito a quando il rimborso Iva sulla TIA dal 2003 al 2009 e dal 2011 al 2012?

Ora anche per l’IMU (ex ICI), che prevede aliquote – base dello 0,4% e dello 0,76%, il Comune di Procida ha in animo un aumento “ nella misura necessaria al conseguimento dell’obiettivo di pareggio del bilancio” (delibera di Giunta numero 16 del 27 febbraio 2012).

Il Comune ha la possibilità di attenuare gli impatti di tale tributo sulle famiglie esercitando la potestà regolamentare ed invece ha in animo di aumentare le aliquota-base di tale tributo per sanare i disastri delle passate (ed attuali) gestioni amministrative e continuare a far pagare le sue inefficienze ai Cittadini ed alle famiglie procidane!!!

E tutto questo a fronte di quali servizi per la Comunità e le famiglie procidane?

Ci sembra veramente insopportabile……ed inaccettabile.

Procida, 9 aprile 2012

Potrebbe interessarti

Procida: Gloria a Dio e pace in terra!

Riflessioni di Don Marco Meglio contenute in una lettera inviata ai parrocchiani. Gloria a Dio …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *