Home > Comunicati Stampa > Trasporti: Gabriele e Di Lello (PSI): ”Non consentiremo svendita Eav Bus a privati”

Trasporti: Gabriele e Di Lello (PSI): ”Non consentiremo svendita Eav Bus a privati”

eavbus logo“Tutelare occupazione e qualità dei servizi, stop alla speculazione” .

“Alla decisione del giudice fallimentare di riaprire i termini della gara per l’affidamento dei servizi di Eav Bus i lavoratori hanno fatto bene a rispondere con lo stato di agitazione, per quanto riguarda ci riguarda il gruppo regionale ed il partito tutto è schierato a fianco dei lavoratori nella lotta contro la privatizzazione”.
“Non consentiremo a nessuno di utilizzare questo stato di crisi per fare profitto sul trasporto pubblico e mortificare i lavoratori ed i sacrifici fatti sin qui. Riteniamo personalmente l’assessore regionale Vetrella e la curatela fallimentare responsabili dei disservizi per gli utenti abbandonati a se stessi”.
“Se qualcuno crede di poter utilizzare una manciata di denari per comprare aziende del trasporto pubblico locale, se qualcuno sin qui ha organizzato una promozione sottocosto per svendere il trasporto pubblico dovrà fare i conti con le opposizioni e con i lavoratori”.
“Insieme con i colleghi delle forze di opposizione faremo valer le nostre ragioni per la salvaguardia occupazionale dei 1270 dipendenti, che hanno già dovuto subire il serio e concreto rischio di licenziamento a causa di una procedura fallimentare che poteva ben essere evitata.
Ora si garantiscano i livelli occupazionali, i diritti acquisiti del TFR e gli aspetti contributivi e retributivi dei lavoratori e si garantisca il pieno esercizio delle linee, non si può scaricare la legittima protesta dei lavoratori sulle spalle dei cittadini alle prese con un servizio fantasma.”
A dichiararlo in una nota l’on. Marco Di Lello capogruppo del PSI alla Camera ed il Consigliere regionale della Campania Corrado Gabriele.

Potrebbe interessarti

Meteo: Peggioramento per le prossime 12 ore

PROCIDA – La Protezione civile della Regione Campania ha diramato un avviso di criticità meteo per piogge …

3 commenti

  1. Figlia di uno sfruttato dell’eavbus. Io non capisco. Ho 20 anni. A casa, a scuola e sopratutto ora all’università, quando uno sbaglia viene bocciato. Questo “Signor” vetrella che è evidentemente INCAPACE quando viene fatto fuori? Questa non è un’azienda di materassi, di cellulari, non è un mercato immobiliare che puó entrare così in crisi. La gente viaggia. I soldi ci sono. Fateli uscire e fate entrare in galera questi pezzi di m***a che ci stanno rovinando. Mentre stasera i signorotti staranno fuori a qualche terrazzo al fresco con una bella anguria, nelle case si piange!

  2. michele di meglio

    Vetrella, a conferma del commento precedente, non si cura affatto delle reali esigenze, ma continua ad agire per interessi non conformi alle nostre possibilità. E’ sempre portato a fare esattamente il contrario di quanto necessario, ed è un dissipatore di denaro pubblico. Avrei il piacere di sapere dietro quali mosse i Ns. armatori sono riusciti a portarsi a casa la Caremar lasciando fuori tutti gli altri offerenti. Come sarebbe bello capire perché adesso vuole rinforzare il nuovo pontile di Marco Aurelio, visto che la procedura di privatizzazione sta per giungere agli sgoccioli. Forse prevede che la nuova cordata armatoriale dovrà potenziare i collegamenti la domenica da Ischia? Perché non si è preoccupato invece di quali spazi dovevano andare alla compagnia pubblica?

  3. GEPPINO PUGLIESE

    Marco di Lello e C. Gabriele

    sono i rappresentanti di quei partiti che hanno istituito il ” CARROZZONE POLITICO-CLIENTELARE ” delle due aziende pubbliche che si sono solo contraddistinte per l’elevatissimo ” debito aziendale ” ,puntuale,ogni anno

    e per la pletorica assunzione di personale

    l’EUROPA ci impone di ” privatizzare ” e ” liberalizzare “: perchè invochiamo l’Europa, solo quando ci conviene?

    Logicamente,massima solidarietà ai lavoratori tutti,ma ” in un contesto diverso “.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *