Home > disagi > cronaca > Forio: Giovane suicida per aver sciupato soldi al gioco

Forio: Giovane suicida per aver sciupato soldi al gioco

di Gennaro Savio
Riflettiamo tutti sui motivi del tragico gesto, perché il ragazzo morto a Forio potrebbe essere il figlio di ognuno di noi.
RIMORSO PER AVER SCIUPATO I SOLDI COL GIOCO, DICIANNOVENNE SUICIDA A FORIO
Tragedia stamattina a Forio, Comune dell’isola d’Ischia, dove alle prime ore dell’alba è stato rinvenuto privo di vita il corpo di un ragazzo di appena diciannove anni. Il corpo del giovane di Barano d’Ischia, come vediamo dalle foto scattate dalla giornalista Ida Trofa de “Il Dispari”, era riverso per terra sul selciato della scogliera sottostante la Chiesa del Soccorso dove si sarebbe schiantato dopo un volo di circa cinquanta metri. Secondo quanto scrive l’ANSA, il suicidio si sarebbe consumato per il rimorso che il giovane avrebbe avuto rispetto al fatto di aver sciupato i soldi col gioco. A testimoniarlo ci sarebbe un bigliettino trovato sul luogo della tragedia. Sull’accaduto indagano le Forze dell’Ordine. Se l’ipotesi del suicidio a causa dei soldi sciupati col gioco dovesse essere confermata nelle prossime ore, ci troveremmo dinanzi ad una di quelle tragedie di cui è diretto responsabile l’infame sistema economico, politico e sociale del nostro Paese il quale non solo nega un futuro dignitoso ai nostri giovani togliendogli persino la speranza di una prospettiva di vita serena, ma allevandoli privi di qualsiasi valore li illude pure che attraverso il gioco, le scommesse e i videopoker possono arricchirsi e trovare la felicità mentre poi si ritrovano poveri e disperati: assurdo! Cosa si aspetta a pretendere di vivere in un Paese normale, dove i giovani possano finalmente amare la vita? Riflettiamo tutti sui motivi del tragico gesto, perché il ragazzo morto a Forio potrebbe essere il figlio di ognuno di noi.

Potrebbe interessarti

Casartigiani informa: pagamento SIAE differito al 31 Ottobre per i comuni interessati da evento sismico

PROCIDA – Casartigiani informa che la SIAE ha rinviato al 31 ottobre 2018 i termini …

Un commento

  1. Cosa vogliamo aspettarci da questo stato ipocrita, sanguisuga e sfruttatore; schiavo delle lobby e del dio denarO.
    Che si proclama garante della salute pubblica e poi ti vende, sigarette, alcol e gioco d’azzardo.
    E alla fine ti prende per il culo dicendo di bere con moderatezza e ragionevolmente perchè l’alcol ti puo far male!
    oppure di giocare con moderatezza perche il gioco puo creare dipendenza.
    E lo stato in tutta questa porcheria è quello che ci guadagna di più!!!
    Addirittura permettendo di aprire sale gioco a pochi metri dalle scuole.
    Spero che comincino a pensare che qualche volta potrebbe trovarsi un loro figlio in una simile situazione ;
    QUESTO APPUNTO specialmente rivolto a chi commissiona quei ridicoli spot citati.
    Stato ipocrita e meschino.
    GIANNI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *