Home > procida > sanità > L’ASL Napoli 2 Nord rescinde il contratto con tre medici di famiglia e un medico della medicina dei servizi che avevano ricevuto compensi indebiti da centri privati

L’ASL Napoli 2 Nord rescinde il contratto con tre medici di famiglia e un medico della medicina dei servizi che avevano ricevuto compensi indebiti da centri privati

Frattamaggiore – L’ASL Napoli 2 Nord ha dichiarato cessato il contratto di lavoro con tre medici di famiglia e un medico della medicina dei servizi che avevano ricevuto indebitamente compensi da strutture private. L’iter aveva preso il via lo scorso luglio a seguito degli abituali controlli che il Servizio Ispettivo Amministrativo dell’ASL, in base a quanto previsto dalle norme, effettua annualmente su un campione casuale del 5% dei dipendenti e dei professionisti convenzionati.
In quell’occasione gli ispettori dell’ASL, avvalendosi della banca dati dell’Agenzia delle Entrate, avevano verificato che i professionisti avevano percepito compensi da strutture sanitarie private, in contrasto con quanto previsto dal contratto di lavoro. Successivamente, l’istruttoria era proseguita chiedendo chiarimenti direttamente ai professionisti coinvolti.
In particolare uno dei quattro medici, al di fuori del proprio contratto di lavoro, aveva percepito redditi complessivi per oltre 45.000 euro  da tre diverse strutture convenzionate col Sistema Sanitario Regionale.
Nel dicembre scorso il Collegio Arbitrale regionale deputato a valutare le inadempienze contrattuali dei Medici di Medicina Generale e dei Medici della Medicina dei Servizi ha deliberato in tutti e quattro i casi l’”applicazione della pena di cui al comma 5, art. 17 che prevede la cessazione del rapporto convenzionale”.
Nei giorni scorsi l’ASL Napoli 2 Nord ha preso atto di quanto deciso dal Collegio Arbitrale ed ha deliberato la cessazione del rapporti di lavoro coi quattro medici oggetto di ispezione.  

Potrebbe interessarti

Carannante: Sulla questione ospedale il TAR concede 60 gg all’ASL per adeguarsi alla sentenza

PROCIDA – L’Assessore al contenzioso del Comune di Procida, avv. Antonio Carannante, sulle problematiche aperte …

Un commento

  1. Sono convinta da tempo che i medici convenzionati utilizzano le strutture ospedaliere come trampolino di lancio per le proprie e losche attività connesse alla cosidetta ” professione “. Ho potuto constatare in varie occasioni la loro evidente malafede e i metodi mafiosi con cui collusi con cliniche più o meno private gestiscono dall’alto dei loro titoli onorifici ogni malaffare .
    Ci sono e vero professori che nettamente si distinguono da tali masse di approfittatori ma, ancora mosche bianche per tutta la sofferente popolazione bisognosa .
    C’è da sperare che in futuro tali controlli possano avvenire metodicamente, finalizzando a tal punto le verifiche, da dissuadere una volta e per sempre ogni tentativo di evasione in tema .
    Per prudenza e con costanza dovremmo però pagare sempre e soltanto fatturando ogni parcella !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *