Home > cronaca > Miss Gay a Procida: “un balzo culturale indietro di 30 anni”

Miss Gay a Procida: “un balzo culturale indietro di 30 anni”

PROCIDA – La serata organizzata per questa sera presso un noto stabilimento dell’isola dal titolo “Miss Gay” non è proprio andata giù ad Antonello Sannino, presidente dell’ArciGay di Napoli che in un nota, tra l’altro, scrive: “La serata ha il sapore di un orribile balzo culturale indietro di almeno 30 anni in una italietta provinciale e volgare, dove ancora oggi l’omosessualità maschile è vista come una diminutio della virilità, come uno sfortunato status sul quale nella migliore, o forse peggiore, delle ipotesi, ironizzare, ed è proprio qui che invece nasce la più odiosa discriminazione, il seme da cui nasce il bullismo e la violenza di cui sono vittime quotidiane le persone omosessuali. Immaginiamo per un attimo come vivranno questa serata, e come stanno vivendo in queste ore, i tanti ragazzini omosessuali in vacanza sull’isola con amici e parenti, ragazzi che faticano terribilmente a fare il proprio coming out”.

(foto da facebook)

Potrebbe interessarti

Procida: il 30 settembre scadenza termine per iscrizione Albo cumunale delle Associazioni

PROCIDA – A ricordare la prossima scadenza il consigliere delegato Lucia Mameli che dice: “Il …

Un commento

  1. Dott.Retaggio non sembra anche a voi che l’omosessualità
    debba essere patrimonio di chi la esercita, indipendentemente
    da ogni condizionamento di sorta ?
    Voglio dire che, ogni orientamento sessuale, politico, religioso o culturale
    non debba riguardare tutta l’umanità ma,
    solo noi come singoli individui che, scelgono ogni volta di agire,
    pensare e comunicare come meglio credono !!
    Per che organizzare manifestazioni che, indipendentemente
    da ogni orientamento, possono suscitare in chi le osserva o vi partecipa,
    moti di ribellione o di scherno, e a seconda delle rispettive posizioni di pensiero ?
    Per che fomentare diatribe o reazioni spropositate
    in chi non riesce ad essere tollerante col prossimo o … con i propri cari ?
    Sarebbe opportuno secondo me, raccontare
    con mezzi di cultura e di creatività, ciò che ognuno di noi
    prova e sente di coinvolgente… di se ?
    Dispiegare le proprie posizioni senza eccentricità o platealità,
    così come si fa nei testi dei grandi classici d’ogni epoca,
    che hanno in passato argomentato su temi anche scabrosi ma
    con stile, sapienza, competenza e sopratutto infinito amore per l’umanità !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *