Poiesis Procida. “Invito all’ascolto”.

Nicoletta Costagliola (da Il Golfo)
Tra i molti meriti dell’associazione Poiesis, vi è quello di uno sguardo attento anche verso determinate discipline culturali che potrebbero sembrar elitarie, perchè godibili solo attraverso educazione e studio canonico e prolungato, quali la musica classica. Il primo passo per avvicinare i giovani procidani alla musica colta è predisporli all’ascolto, di primo acchito rifiutato perchè considerata seriosa, antiquata, poco affine alla frenesia che anima la  loro società . Il nuovo laboratorio dell’associazione Poiesis Procida, “invito all’asocolto” nasce dunque con l’intendo di iniziare i giovani procidani alla musica classica tramite l’ascolto guidato ai brani più significativi, facendo loro cogliere una pluralità di sensazioni, una prolissità di sentimenti, una costellazione di riverberi emozionali, esplodenti nel loro corpo, nella loro mente, nella loro anima. Le moltidutini sensoriali raggiungono , durante l’ascolto,ogni più piccola fibra sensoriale dei giovani che,  guidati dai mentori, come per incanto, sopprimeranno le loro ansie, le loro problematiche, le loro angoscie, le loro inquetudini, i loro vuoti, il loro nulla, riempiendolo con armonia, equilibrio, sobrietà, savietà, consapevolezza, coscienza. Il nuovo laboratorio dell’associazione Poiesis Procida sarà dunque per i giovani procidani un percorso di vita, dal nulla al tutto, dal male al bene, dall’ incoscienza alla coscienza, dall’inquietudine alla serenità, dallo squilibrio all’armonia, dall’artificio alla natura. Cultura del benessere, questa la missione dei mentori dell’associazione Poiesis Procida Arti e Culture Onlus che prosegue in terra procidana.

Potrebbe interessarti

Al via il concorso artistico: “Procida com’era, com’è…come la vorrei”

Nell’ambito delle manifestazioni ed eventi che il Santuario di San Giuseppe a Chiaolella,  promuove a …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.