Procida: E’ Natale

peppino pauliedd

di Giuseppe Ambrosino di Bruttopilo (Pauliello)

Natale non è una festa come tutte le altre.  Natale è una festa particolare.

Una festa che si rinnova più per la  gioia intima che per i  piaceri esteriori.

E’ la festa dell’attesa.

E’ come un dono che si gusta più nell’aspettarlo che nel riceverlo.

Oggi questa attesa sembra che non sia sentita come una volta.

Oggi sembra che Natale si aspetti soltanto per festeggiarlo con la cena della vigilia e col pranzo del 25. Dove sta più l’attesa? Dove sta la poesia? La poesia di quando non avevamo un granché da mettere a tavola, ma eravamo molto più ricchi dentro. Niente avevamo ma eravamo felici lo stesso, eravamo felici per l’attesa. L’attesa di che?  L’attesa di qualcosa che avrebbe potuto cambiare la nostra vita. E soltanto la speranza ci riempiva il cuore.

Oggi si vede che non basta più riempire il cuore. Oggi si aspira soprattutto a riempirsi le tasche.

Ma sarà sempre un Natale felice? Io non lo credo. Oggi non solo non si riesce a godere aspettando che la vita possa cambiare per un futuro migliore, ma manca addirittura  la volontà di cambiarla questa vita.  E allora se non c’è la volontà di cambiare, non ci potrà mai essere la vera felicità.

Eppure io ricordo che nella scia della stella cometa, che brillava sopra la grotta del presepio, spiccava una bella frase: “Gloria a Dio nel più alto dei cieli e pace in terra agli uomini di buona volontà”!

Guardandomi intorno in questi giorni, vedo un Natale triste. Un Natale senza attesa, senza voglia di cambiare. Non basta togliere un bue e un asino dalla grotta del bambino per cambiare Natale!

In un quaderno di quarta elementare del 1955, ho trovato questa poesia, che in attesa di Natale  ci dettò la nostra maestra. Rispecchia un Natale sentito, un Natale del cuore.

NATALE

P’’a notte ‘ncantata!

Natale! Nu suono ‘e zampogne

Sperduto, luntano.

Che pace! ‘sta festa ce dice:

“Stenniteve a mana;

turnate felice!

Turnate a campà!”

Ce dice: “Tant’odio pecché ?

Pecché tanta smania ‘e ricchezze

Si ‘a vita è nu suonno

P’o povero e p’o rre? “

Natale ! Chijate ‘e ddenocchie

Annanz’a sta grotta

Facennove ‘ a croce, guardate

Stu Ninno ch’è nato!

Guardate! E’ ‘o Signore d’o munno;

vulenno, puteva tené

na connola d’oro e brillanti,

ma sta ncopp’a paglia

tremmanno. Pecché?

Pecché ce vò dì ca  nun vale

Putenza, ricchezza, denare

Si ‘o core è pezzente,

si pienze a ffà male!

Natale! Pensasse chi tène:

ce sta chi desidera ‘o ppane,

chi campa int’e ppéne

chi è senza dimane!

Natale! Nu suono ‘ campane

Stennimmece ‘e mmane.

Potrebbe interessarti

NATALE A CASAMICCIOLA: START CON I “DITELO VOI”, A CAPODANNO C’E’ ALEXIA!

CASAMICCIOLA TERME. Un programma di eventi che mescola divertimento, tradizione, folklore, culto ma che soprattutto …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *