Home > Procida: Per non dimenticare la tragedia dell’Olocausto.

Procida: Per non dimenticare la tragedia dell’Olocausto.

Giovedì 27 gennaio 2011, con inizio alle ore 10:00, gli allievi delle classi terze della scuola secondaria di primo grado “A. Capraro” presenteranno nell’aula magna dell’istituto un lavoro preparato in occasione del “Giorno della Memoria”.
Il Giorno della Memoria è una ricorrenza istituita con la legge n. 211 del 20 luglio 2000 dal Parlamento italiano che, in tal modo, ha aderito alla proposta internazionale di dichiarare il 27 gennaio come giornata in commemorazione delle vittime del nazionalsocialismo e del fascismo, dell’Olocausto e in onore di coloro che, a rischio della propria vita, hanno protetto i perseguitati.
L’articolo 1 della Legge così definisce la Giornata della Memoria: « La Repubblica italiana riconosce il giorno 27 gennaio, data dell’abbattimento dei cancelli di Auschwitz, “Giorno della Memoria”, al fine di ricordare la Shoah (sterminio del popolo ebraico), le leggi razziali, la persecuzione italiana dei cittadini ebrei, gli italiani che hanno subìto la deportazione, la prigionia, la morte, nonché coloro che, anche in campi e schieramenti diversi, si sono opposti al progetto di sterminio, ed a rischio della propria vita hanno salvato altre vite e protetto i perseguitati.>>
Il percorso didattico di quest’anno, ci dicono i responsabili del progetto, ha previsto la realizzazione di un video, che ha ripercorso alcuni luoghi della memoria attraverso la visita diretta ed il racconto di coloro che quei momenti li hanno vissuti direttamente o attraverso gli occhi dei loro cari.
L’idea del progetto, sottolineano di docenti, è nata dalla considerazione che le pagine della storia sembrano così lontane dai nostri alunni, eppure alcuni eventi, come fili di una fitta trama, si intrecciano con i ricordi a noi vicini.

Potrebbe interessarti

Federconsumatori Procida: 10 regole per l’acquisto di un oggetto difettoso

Spesso dopo un acquisto o dopo aver ricevuto un regalo si scopre che il prodotto …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *