Procida, Tari, garantire equità. Le proposte Abbac in Commissione Bilancio

PROCIDA- Proficuo dialogo tra L’Abbac e la Commissione Bilancio e Tributi del Comune di Procida. “Ringrazio i consiglieri per aver accolto la richiesta di audizione- dichiara il presidente Abbac Agostino Ingenito– Dalla conversazione è emersa la condivisa volontà di avviare un percorso di equità ∴e progressività del tributo per le diverse tipologie ricettive. Abbiamo espresso chiaramente che non ci sta bene che ad oggi le attività integrative del reddito come bed and breakfast ed affittacamere siano equiparate alla categoria di albergo con o senza ristorazione. Una modalità che è stata superata dal legislatore che su nostra proposta l’ha abolita nel tempo ridimensionando la tariffa a utenza domestica ed eventualmente aumentando la quota variabile per i metri quadri destinati ad attività ricettiva seppur occasionale, utilizzando la leva dell’aumento componenti familiari come già avvenuto su nostra proposta per il comune di Napoli. Una conduzione che potrebbe essere a sua volta non necessaria nel caso di Procida se l’ente censirà ed identificherà le tante pseudo locazioni brevi possibili ai sensi di legge per le centinaia di seconde case che attualmente sfuggono ad un censimento e rispetto delle normative . È necessario che si tutelino i residenti e si definiscano i margini di un contributo che, ricordo al Comune, tiene conto si di un gettito ma riferito ai costi da coprire per il ciclo integrato dei rifiuti. Pertanto riteniamo congrua la proposta emersa dalla minoranza di invitare i cittadini ad adeguarsi per il 2022 al versamento della tari utenza domestica per quanti sinora non si sono censiti e difatti eludendola a scapito dei contribuenti iscritti al ruolo e nell’elenco delle scie amministrative comunali. Invitiamo dunque l’amministrazione ad adeguarsi alle prescrizioni che abbiamo consigliato in merito alla necessità di censire, anche mediante indagine, tutte le strutture ricettive che si pubblicizzano online per avere chiara la consistenza ricettiva e facendo poi una scelta equa nell’imporre una tari redistribuita . È infatti indispensabile per noi riequilibrare la tariffa iniqua per i B&B equiparati ad oggi alla categoria di albergo con ristorazione e senza ristorazione per le diverse attività ricettive integrative del reddito con quelle fino ad un massimo di sei camere come per gli
Affittacamere . Riteniamo che un impegno in tal senso da parte dell’amministrazione farebbe emergere volontà politiche che vanno nella condivisa direzione di qualificare l’offerta ricettiva isolana in vista della prossima stagione e salvaguardando famiglie ed imprese- Ecco perché abbiamo anche consigliato che l’ente si doti di regolamenti che chiariscono la definizione di non continuità ed occasionalità così come previsto dall’Agenzia delle Entrate, ed adottato su nostra proposta, da diversi Comuni come nell’ultimo caso di Salerno – così dichiara il
Presidente Abbac Agostino Ingenito a margine della riunione con la commissione consiliare.

Potrebbe interessarti

Meteo: Molti collegamenti marittimi sospesi

PROCIDA – A causa dei venti da sud ovest molto forti che soffiano da questa …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *