Procida. Il ricordo di Peppino Cioffi

di Mario CozzolinoRicordare peppino non è cosa semplice, soprattutto perchè il nodo in gola che ci ha lasciato è ben stretto.
se Peppino era un punto di riferimento medico per i singoli e le famiglie
procidane e ischitane, lo era ancor di più per la musica.
Gran cultore di musica, bassista e contrabbassista era un riferimento per
gli amici del Jazz , e non solo, che lo frequentavano.
Impegnato nell’associazionismo musicale era dedito a orientare giovani e
meno giovani verso la musica e verso il jazz .
Chi mastica un pochino di musica sà che in un gruppo musicale la figura del
bassista è il punto di riferimento, senza cui sarebbe quasi impossibile
riuscire a fare musica.
Peppino lo era per gli amici che hanno avuto la fortuna di fare musica con
lui che ne apprezzavano , tra tante, l’eleganza, il gusto, l’humor, la passione,
la professionalità e la dedizione allo spiegare anche le strutture musicali più
complesse senza mai annoiarsi.
Nel caledoscopio del suo cuore vi era sicuramente la musica e il jazz.  La sua grande passione.
Ogni nota suonata con il cuore (senza sbagliarne una) trasmetteva una
emozione ed una vibrazione mai scontata, sempre nuova, come proiettatta nell’aria per farla restare il più possibile nel tempo.Nel futuro.Per sempre.

Mario Cozzolino

Potrebbe interessarti

binario 21

Procida: “Binario 21”, per non dimenticare

Di Giacomo Retaggio PROCIDA – Mentre ti avvii, la sera del 27 gennaio 2017, lungo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.