Home > Ischia > Sant’Anna, Ischia tra Totò e tradizione: la sfilata delle barche nella Festa sul mare

Sant’Anna, Ischia tra Totò e tradizione: la sfilata delle barche nella Festa sul mare

ISCHIA – Una storia ricca di fascino che si rinnova. Da ottantacinque anni. Suggestione e incanto, tradizione e modernità, elementi che si intrecciano in una delle baie più belle d’Italia: torna a Ischia la Festa a mare agli Scogli di Sant’Anna, l’evento più atteso dell’anno. Il Comune di Ischia propone quest’anno un programma di appuntamenti intenso e articolato, che ha naturalmente il suo momento-clou nella serata del 26 luglio, quando nell’anfiteatro naturale della baia di Cartaromana sfileranno le barche allegoriche, una dopo l’altra, ammantando di fascino lo specchio d’acqua. Con la direzione artistica di Cenzino Di Meglio, la Festa abbraccia miti e riti di una tradizione che si rinnova, richiamando l’identità di un evento nato dallo slancio e dalla fantasia con cui, sin dagli Trenta del Novecento, i pescatori isolani addobbavano le loro barche dirette alla chiesetta di Sant’Anna, incastonata nella baia.
La conduzione della serata è affidata al duo Gigi e Ross, celebre in particolare per “Made in Sud”.  Fiorenza Calogero, apprezzata interprete di canto popolare, impreziosirà lo spettacolo con le sue performanceDavide Scognamiglio curerà il disegno luci, di Aurora Cecchi e Luigi Mennella le letture che accompagneranno la sfilata, che precede – com’è tradizione – lo spettacolo dell’incendio simulato del Castello e i fuochi piromusicali.
Ma c’è un sottile filo rosso che, nell’edizione alle porte, lega le barche in gara: è l’omaggio all’indimenticato Antonio De Curtis, in arte Totò, nel cinquantenario della sua morte. Alla sua arte si ispirano infatti i temi da cui si muova l’opera dei costruttori delle quattro barche in gara: Totò e il cinema per l’associazione Actus Tragicus, Totò e la musica per l’associazione Pro Perrone, Totò e la poesia per l’associazione Largo dei Naviganti, Totò e la maschera per l’associazione Pro Loco Lacco Ameno.  Madrina della serata sarà Elena De Curtis, nipote di Totò.
E sarà una giuria qualificata ad assegnare il premio alla barca più bella, confermati anche gli altri premi, radicati nell’ultradecennale storia dell’evento: il premio Nerone, il premio Funiciello, il premio Andrea Di Massa e il premio Domenico Di Meglio
Per raggiungere Ischia Ponte, nel corso della serata sarà attivo un servizio navetta gratuito, a ciclo continuo, da e per il parcheggio di Fondobosso.  Per stabilire l’ordine di sfilata, un torneo di calcio rievocativo andrà in scena sabato 22 luglio al piazzale delle Alghe di Ischia Ponte. L’evento richiama le storiche partite tra Pro Conigli e Pescicani che, con l’impulso di Gianni Lauro, alias “Sparaspilli”, animarono il secondo Dopoguerra. Oggi e ieri si intrecciano in una Festa che pare sospendere il tempo. E dal 23 al 25 luglio la storia dell’evento attraverso le sue barche si traduce anche in Officina Sant’Anna, con le foto storiche della Festa, e con l’esposizione dei bozzetti delle barche allegoriche in gara, che sarà inaugurata a Palazzo Lauro alle 19.00 di domenica 23 luglio.
“La nostra idea – spiega il direttore artistico Cenzino Di Meglio – è quella di coniugare l’artigianalità delle maestranze locali, degli storici costruttori di barche, con i talenti delle nuove generazioni, nel segno di una Festa che si rinnovi senza perdere di vista la tradizione”. 
“Sarà un’edizione in linea con la storia di un evento simbolo di Ischia e dell’intera isola – dichiara il sindaco di Ischia, Enzo Ferrandino – la cui portata internazionale è sotto gli occhi di tutti. La festa di Sant’Anna è un biglietto da visita imprescindibile per il nostro territorio, per la bellezza della baia che lo ospita, per la necessità di restare ancorati alla nostra storia”.
“La Festa di Sant’Anna – dichiara il consigliere Luigi Di Vaia – è certamente uno degli eventi più importanti della Regione Campania e rappresenta la sintesi perfetta tra tradizioni, storia, cultura e ricerca di nuove soluzioni artistiche, progettuali, tecnologiche. Vi lavora una enorme macchina organizzativa che si muove grazie alla sinergia tra enti pubblici, privati, associazioni e volontari. Sarà un’edizione importante per le migliaia di isolani e turisti che avranno il privilegio di essere attori nel meraviglioso scenario della baia di Cartaromana il prossimo 26 luglio”.   

Potrebbe interessarti

Anche i porti dell’Isola d’Ischia inseriti tra quelli designati dalla commissione internazionale per la conservazione delle risorse ittiche

ISCHIA – I porti di Ischia e Forio sono stati recentemente inseriti nel registro internazionale …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *