NO al Nucleare. Intervista a Luca Fioretti, presidente Comuni Virtuosi

da sinistra: Luca Fioretti, Alessio Ciacci e Domenico Finiguerra
da sinistra: Luca Fioretti, Alessio Ciacci e Domenico Finiguerra

Continua il nostro viaggio tra i cittadini che lottano ogni giorno per la tutela dei beni comuni, per la difesa del’acqua pubblica, della terra, che sono  a favore di forme alternative di energia, sono a favore della decrescita e che sono contro  il consumo di suolo la privatizzazione dell’acqua, contro il nucleare. Due temi questi ultimi, oggetto dei prossimi referendum del 12 e 13 giugno a cui siamo chiamati a votare e votare 4 SI.

Sul tema del nucleare vi proponiamo un interessante intervista su Portobello’s, all’amico Luca Fioretti, sindaco di Monsano e presidente dell’associazione Nazionale Comuni Virtuosi (ospite in un nostro convegno a Procida due anni fa) .

Inutile dire che Fioretti è fervente anti-nuclearista senza se e senza ma, che ai referendum, se non verranno bloccati prima, voterà 4 volte “SI” Rivolgiamo a lui la domanda su quali sono le alternative ai reattori per soddisfare il fabbisogno energetico nel Paese?

«I 30 miliardi di euro destinati alla costruzione di centrali potrebbero essere destinati alla ricerca. La prima cosa concreta da fare sarebbe quella di intervenire sull’efficientamento energetico del patrimonio edilizio pubblico. Questa sarebbe la più grande opera pubblica dal dopoguerra ad oggi, altro che ponte sullo stretto, e ci farebbe risparmiare il 30-40% di energia. Più in generale, penso che lo sviluppo delle energie rinnovabili debba accompagnarsi ad una vera rivoluzione sociale, poiché questo modello di sviluppo ad ogni costo non è più sostenibile».

Molto bello a dirsi. Ma è una strada percorribile?

«Lo è di certo, ma serve un preciso indirizzo politico che questo governo non può dare. Quando mi parlano di alternative concrete, mi viene da sorridere: come se la strada del nucleare fosse realmente percorribile in un Paese come il nostro, che per morfologia, risorse, tempi di attuazione, è quanto di più inadatto alla costruzione di una centrale. Non mi viene in mente un solo posto in Italia che potrebbe essere adatto ad ospitare un reattore. E poi guardiamo alla realtà: qui anche per costruire un ospedale non bastano 7 anni di lavoro: quanti ne servirebbero per una centrale nucleare?».

Non si deve fare l’errore di pensare che il nucleare sia l’unica risorsa energetica pericolosa per la nostra salute. Il nostro territorio, ahinoi, ne sa qualcosa…

«Per questo dico che il discorso energetico deve andare di pari passo con una rivoluzione culturale. Da qui a 50 anni, checché ne dicano i negazionisti, questo pianeta cambierà radicalmente: sempre meno risorse, sempre più persone, sempre più divario. E’ urgente ripensare il nostro modello di sviluppo. E’ urgente capire che la parola “decrescita” non è una bestemmia».Portobello’s n°18

Potrebbe interessarti

dino ambrosino2 e1433579555103

Dino Ambrosino: Chi ci amministra non ha centrato gli obiettivi ma ripete sempre gli stessi slogan

In quella che sarà la più breve pausa estiva che la politica procidana ricordi, abbiamo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.