tares
tares

Procida: La “TARES”, la stangata del 2013

taresdi Francesco Marino

Al momento in cui scriviamo si sta delineando con precisione lo schieramento dei vari partiti di cui ci occuperemo in seguito. Tutti parlano di ridurre le tasse ma, intanto, incombe la TARES, la tassa che metterà KO l’economia procidana.

Questa volta il Sindaco non potrà annunciare: “Vi ho salvato” come ha fatto nel 2012, ma dovrà subìre, come tutti noi, l’ultima tassa del tecnico Monti. In pratica la TARES (Rifiuti solidi urbani ingloba altri servizi, per esempio, illuminazione pubblica, pavimentazione stradale, e polizia urbana) sarà valutata a mq per ogni abitazione e altri fabbricati.

Sarà un balzello pesantissimo, di cui tutti tacciono, approvato in Parlamento da PDL, PD e altri partitini che hanno sostenuto Monti.

Inoltre, la Comunità Europea, ha consigliato all’Italia di rimodulare la famigerata IMU, pertanto, in un prossimo futuro, verrà ridotta l’IMU ma, nello stesso tempo, verranno rivedute, al valore di mercato, le rendite catastale, aggiungendo un nuovo balzello mascherato.

Questa è la realtà. Peccato che il Sindaco abbia, opportunamente per lui, sospeso gli incontri del giovedì con i cittadini, le domande non sarebbero mancate.

Qualcuno mi ha fatto notare che, forse, la TARES permetterà al Comune, a differenza dei vigili veri e propri, di dare una divisa adeguata ai nostri “vigilini” ridotti, come si può notare, come barboni in special modo nei giorni di pioggia.

Chiudiamo, comunque, con una nota positiva ed un elogio al Sindaco Capezzuto che, finalmente, ha liberato Via Principe Umberto dalle macchine permettendoci di salire, a 75 anni, in bicicletta a Piazza dei Martiri.

Potrebbe interessarti

Settimana calda per la politica procidana tra Consiglio Comunale e nomine

PROCIDA – Il presidente del Consiglio Comunale Antonio Intartaglia ha convocato per giorno 13 agosto …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.