Home > procida > cronaca > Procida: Traghetto Caremar sbatte contro la banchina

Procida: Traghetto Caremar sbatte contro la banchina

incidente driade caremarSono circa le ore 13,20 di ieri quando il “Driade”, traghetto della società di navigazione Caremar proveniente da Ischia e diretto a Napoli, mentre è in manovra per l’attracco al molo del porto commerciale di Marina Grande, per ragioni ancora tutte da accertare, è andato ad impattare con la parte poppiera dello scafo contro la banchina rimediando un piccolo squarcio nello stesso, comunque al di sopra della linea di galleggiamento dell’unità, quindi nella parte non a diretto contatto con la superficie del mare.

Gli uomini dell’Ufficio Circondariale Marittimo dell’isola di Graziella, guidati e coordinati dal T.V. Sabrina De Cuio, sono immediatamente intervenuti per verificare, in primo luogo, le condizioni dei passeggeri presenti a bardo ed avviare le procedure previste in questi casi.

Visto il danno procurato allo scafo, la nave è stata fermata per i dovuti accertamenti e la società Caremar ha provveduto ad interessare l’ente tecnico e la Capitaneria di Porto di Napoli, al fine di poter rientrare a Napoli, nel tardo pomeriggio, in totale sicurezza, per i necessari interventi di ripristino. Nel frattempo i 183 passeggeri nonché i 33 veicoli che si trovavano a bordo del “Driade” sono stati fatti sbarcare e, sotto il coordinamento dei militari, reindirizzati sulle altre unità dirette a Napoli/Pozzuoli ed in particolare sulla Motonave “Fauno”, sempre della Caremar che, in navigazione da Ischia a Napoli, ha scalato in via straordinaria l’isola di Procida, proprio per permettere a coloro i quali erano rimasti in banchina di rientrare in tempi brevi in terraferma.

Per quanto è stato possibile accertare sul posto, oltre a tanta paura, non sono stati registrati danni a persone e mezzi.

Potrebbe interessarti

Disagi Caremar – Mameli: L’Amministrazione non è distratta

PROCIDA – Sul disagio causato, nei giorni scorsi, dalla  società di navigazione Caremar, la Consigliera …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *