VAS: Importante risultato la proroga di soli 5 anni concessioni spiagge

La drastica riduzione della proroga delle concessioni delle spiagge da 30 anni a 5 anni è sicuramente un importante risultato della battaglia sostenuta dai VAS unitamente ad altre Associazioni (in vero poche) contro il colpo di mano che in pratica per oltre trent’anni avrebbe continuato a mantenere la disastrosa situazione attuale della concessione di  spiagge e  litorali.

Invero la proroga già esistente fino al 2015 era più che sufficiente per riorganizzare globalmente il campo delle concessioni sia per qualità che per quantità e noi speriamo ancora che il Commissario Europeo imponga la scadenza del 31 dicembre 2015.

Assolutamente comunque occorre non attendere la nuova scadenza del 2020 per attivare i cambiamenti necessari, perché nel 2020, ci ritroveremmo ancora come oggi, se non molto peggio. Bisogna partire  dal risultato ottenuto perché in questi 8 anni, anche con adeguate leggi e normative,  si attivino tre grandi linee di intervento: la tutela del litorale e della Biodiversità – che semplifichiamo nella formulazione Diritti delle Spiagge e del Mare –  il Diritto al Mare dei Cittadini,  Lavoro e  Qualità nuova degli investimenti.

Occorre perciò rivedere, ovvero azzerare,   integralmente l’attuale situazione,  predisponendo Piani di spiagge con aree tutelate, come quelle aventi, direttamente o nel retroterra di dune, particolare flora e fauna,  spiagge libere, eventuali spiagge in concessione fatta sulla base di  gare costruite sulla qualità estetica delle strutture sempre necessariamente rimovibili, dei servizi e dei costi.

Occorre una vera rivoluzione che rifaccia di spiagge,  litorale, mare, Incommensurabile Bene Comune della  Natura  e dei Diritti dei Cittadini .

Guido Pollice,  Presidente Nazionale VAS

Nicola Lamonica, Coordinatore regionale VAS Campania

Antonio D’Acunto, Presidente Onorario VAS Campania

 

Potrebbe interessarti

ENTRA IN VIGORE IL TRATTATO ONU SULLA PROIBIZIONE DELLE ARMI NUCLEARI

PROCIDA – Il 22 gennaio 2021, è il giorno che può passare alla storia come …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.