Procida: il pensiero del giorno

Il peperoncino tra il serio e il faceto

Capsicum è un genere di piante della famiglia delle Solanaceae, originario delle Americhe ma attualmente coltivato in tutto il mondo.
Secondo alcuni, il nome latino “Capsicum” deriva da “capsa“, che significa scatola, e deve il nome alla particolare forma del frutto (una bacca) . Altri invece lo fanno derivare dal greco kapto che significa mordere, con evidente riferimento al piccante che “morde” la lingua quando si mangia.

Difatti in un dibattito “accaldato”, discussione  o  litigio si sente commentare: hanno mangiato peperoncini.

È di aiuto alla digestione e molti lo mangiano credendo che sia afrodisiaco.

I peperoncini calabresi sono quelli che bruciano di più- e lo mettono in tutte le pietanze, fanno una specie di salame la nduia buonissima quella di Spilinga.

Si dice di certe persone  che si muovono in maniera stimolante: quello o quella ha del peperoncino dentro.

Queste persone sono  talmente stimolante che fanno risuscitare il morale degli afflitti.

Pensiamo a immaginare che s’incontrano due esseri che hanno entrambi del peperoncino, specie se sono un maschio e una femmina, cosa ne esce fuori, di tutto e di più.

A tal proposito: ieri sera alcune signore si son cimentate a sceneggiare alcuni racconti del libro Vèfio scritto dal Compianto, Vittorio Parascandola, durante la serata a suo ricordo.

CHI L’AVREBBE MAI DETTO:  Spiccata  padronanza del palcoscenico; con sale pepe e peperoncino. È il caso di dire: si son mangiato il peperoncino calabrese.

Il mondo senza peperoncino  sarebbe un mondo noioso.

A lupu vecchiu, nun si ‘nzigna la tana. – ( proverbio siculo)
Salva Costa da Procida

Potrebbe interessarti

Federconsumatori Campania ha incontrato il Sindaco di Procida relativamente ai rimborsi dell’IVA applicata su TARSU – TIA

Martedì 24 aprile il Sindaco di Procida, Vincenzo Capezzuto ha incontrato il Presidente regionale di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.